social media black hat

Le 6 peggiori tecniche di acquisizione dei follower da evitare come la peste: Social Media Black Hat.

La tecnica Black Hat, o cappello nero è un termine preso in prestito dalla SEO, infatti i Black Hat SEO sono coloro che utilizzano tecniche borderline, non naturali e comunque discutibili per scalare la SERP.

Queste tecniche tendono, se mal fatte a penalizzare i siti web e a portare risultati opposti a quelli sperati.

Cos’è la Social Media Black Hat Strategy?

Per aumentare l’engagement o i follower, alcuni Social Media Manager usano tecniche deprecabili che potrebbero funzionare nell’immediato, ma avranno sicuramente effetti negativi sul lungo termine, quindi attenzione, Roma non è stata costruita in un giorno, diffidate dai guru che promettono risultati immediati.

In questo lavoro, il committente esige risultati immediati e tangibili fin da subito, per questo motivo alcune web agency, freelance o il caro e vecchio cuggino che ritorna sempre utile, potrebbero adottare la strategia che non porterà niente di buono ai tuoi social network.

social media follower in vendita
Esistono piattaforme per l’acquisto di follower e like.

Le 6 tecniche deprecabili per perdere sui social network

1) Acquisto follower sui Social Media

Mai comprare follower, ormai sono facilissimi da beccare, perderesti di credibilità e potresti essere bannato.

Con meno di 50€ si possono comprare migliaia di follower e like per post, spiega Alex Orlowski in questo articolo sulla rivista Rolling Stone.

Chiara Stone è un profilo fake, studiato a tavolino proprio per dimostrare quanto sia facile sui social creare una falsa identità, iniettare like, follower e commenti per crescere di popolarità.

Naturalmente, con un tool o un’ accurata analisi non si scampa!

2) Recensioni negative sui competitor

Il tuo competitor diretto riceve ottime recensioni per sua attività? Evita di scrivere recensioni false, oltre ad essere rimosse, potresti essere denunciato per diffamazione. Cerca di battere i tuoi competitor con lo studio, la costanza e il duro lavoro; paga, sempre.

Al contempo, non comprare pacchetti di finte recensioni per la tua attività o per i tuoi clienti.

3) Keyword stuffing e spamming hashtag

Queste tecniche in voga diversi anni fa tra i SEO sono state cassate dagli algoritmi che si sono susseguiti negli anni, Penguin su tutti.

Molto spesso si tende, senza saperlo, ad aggiungere hashtag con un volume alto di ricerca ma per niente congrue con il nostro contenuto.

Questi post, con queste keyword e hashtag vengono percepiti come spazzatura, spam, poco professionali e senza alcun valore.

4) Commenti falsi

Concentrati sulla condivisione di contenuti, originali, belli e in target. Evita di creare profili falsi per commentare o lasciare un like sulle tue pagine.

Come per l’acquisto di follower, le bugie hanno le gambe corte e ben presto i tuoi seguaci potrebbero dileguarsi facendoti crollare!

5) Duplicare contenuti su più account

Condividere lo stesso contenuto su pagine della stessa persona per creare la magia che quel contenuto sia davvero popolare, anche se probabilmente non lo è abbastanza.

Sappiamo quanto sia facile beccare queste tecniche e gli account falsi, e quanto la nostra credibilità possa essere danneggiata da queste pratiche scorrette o quantomeno borderline.

6) Link spam

Quante volte vi sarà capitato di cliccare su un lik pensando di trovare le informazioni anticipate dal post e finire su landing page ambigue con contenuti che non c’entravano niente?

Purtroppo, capita, è fastidioso e di certo questa furbata non porta risultati concreti e sul lungo periodo.

Cosa fare per competere sui social network?

Diffidare da santoni, tuttofare azzeccagarbugli e rivolgersi a professionisti, Social Media Manager esperti in Comunicazione Web con un’etica alle spalle.

Se sei finito qui sei sensibile alle tematiche o cerchi il professionista giusto che fa per te. Scrivimi per un consulto gratuito, clicca, scarica e se pensi che il contenuto sia interessante condividi l’Infografica le 6 peggiori tecniche da evitare sui Social Media

Infografica le 6 peggiori tecniche da evitare sui Social Media

//michelangeloidda.it/wp-content/uploads/2018/12/michelangelo-idda-logo-site.png